Cinema delle Feste – Oceania Al San Marco risparmiate fino al 65%

Restano validi prezzi e promozioni standard:
Biglietto € 5,50 – Ridotto fino a 13 anni € 4,00
Biglietto famiglia: 2 genitori + figli (pagano tutti ridotto)
 

Da noi 2 Genitori con 2 Figli pagano 16€…..

In Altri cinema 45€….

 

oceania

OCEANIA (USA 2016 – 103 min’) Regia di Ron Clements e John Musker
Vaiana, figlia sedicenne di Tui, capo dell’isola di Moto Nui, non si
rassegna a vedere la propria terra lasciata ad un progressivo
abbandono, che rischia di mettere in dubbio la sua stessa
sopravvivenza. Disubbidendo così al padre, parte per un viaggio
che la porterà a nuove scoperte sul suo popolo e su se stessa…
“Vaiana è atletica, agile e molto intelligente. Non si ferma davanti a nulla e ha un
legame profondissimo con l’oceano. Per lei quindi è incomprensibile che il suo
popolo non vada al di là della barriera corallina che circonda l’isola”.
Così il regista John Musker presenta nel prologo l’eroina di questo nuovo film
targato Disney. Siamo nello sconfinato Oceano Pacifico, che tremila anni prima i
viaggiatori polinesiani, tra i più grandi navigatori del mondo, avevano attraversato
con spavalda sicurezza alla scoperta delle numerose isole. Vaiana si troverà così
a dover superare gli ostacoli posti da un padre timoroso ed indeciso, e per farlo
deve superare ostacoli impensabili con protagonisti difficili da affrontare.
Il tono portante è quello della ‘storia di formazione’’ che permette di crescere,
maturare, conquistare consapevolezza di se.
La Disney mette in campo un bagaglio di nozioni e di conoscenze che allargano i
confini della ricerca. Il disegno recupera l’agilità e la mobilità che rendono
l’inquadratura mossa e dinamica. I personaggi sono affidati ad una agilità
espressiva assoluta. Ed è interessante notare che i due registi dichiarano di non
aver voluto dare alle immagini un aspetto troppo realistico. Vaiana ed i suoi
compagni di avventura vivono emozioni che diventano sussulti di gioia e picchi di
felicità. Poi ci sono tutte le specie vegetali che per gli antichi polinesiani erano
abitudinarie ma ora servono a far colore e una festosa atmosfera. Il nuovo cartoon
Disney è gioioso e pronto ad allietare piccoli e grandi. Uno spettacolo di alto livello
per un film che, è da valutare come consigliabile, brillante e certamente per tutti.
“IL PIU’ BEL FILM DI NATALE in 1° Visione”
In programmazione: da Venerdì 23 dicembre 2016
CINE-TEATRO SAN MARCO Via don P. Giudici, 19-21 e Corso Roma, 34 – Cologno M.se

Cinema delle Feste – Oceania

oceania

OCEANIA (USA 2016 – 103 min’) Regia di Ron Clements e John Musker

Vaiana, figlia sedicenne di Tui, capo dell’isola di Moto Nui, non si

rassegna a vedere la propria terra lasciata ad un progressivo

abbandono, che rischia di mettere in dubbio la sua stessa

sopravvivenza. Disubbidendo così al padre, parte per un viaggio

che la porterà a nuove scoperte sul suo popolo e su se stessa…

“Vaiana è atletica, agile e molto intelligente. Non si ferma davanti a nulla e ha un

legame profondissimo con l’oceano. Per lei quindi è incomprensibile che il suo

popolo non vada al di là della barriera corallina che circonda l’isola”.

Così il regista John Musker presenta nel prologo l’eroina di questo nuovo film

targato Disney. Siamo nello sconfinato Oceano Pacifico, che tremila anni prima i

viaggiatori polinesiani, tra i più grandi navigatori del mondo, avevano attraversato

con spavalda sicurezza alla scoperta delle numerose isole. Vaiana si troverà così

a dover superare gli ostacoli posti da un padre timoroso ed indeciso, e per farlo

deve superare ostacoli impensabili con protagonisti difficili da affrontare.

Il tono portante è quello della ‘storia di formazione’’ che permette di crescere,

maturare, conquistare consapevolezza di se.

La Disney mette in campo un bagaglio di nozioni e di conoscenze che allargano i

confini della ricerca. Il disegno recupera l’agilità e la mobilità che rendono

l’inquadratura mossa e dinamica. I personaggi sono affidati ad una agilità

espressiva assoluta. Ed è interessante notare che i due registi dichiarano di non

aver voluto dare alle immagini un aspetto troppo realistico. Vaiana ed i suoi

compagni di avventura vivono emozioni che diventano sussulti di gioia e picchi di

felicità. Poi ci sono tutte le specie vegetali che per gli antichi polinesiani erano

abitudinarie ma ora servono a far colore e una festosa atmosfera. Il nuovo cartoon

Disney è gioioso e pronto ad allietare piccoli e grandi. Uno spettacolo di alto livello

per un film che, è da valutare come consigliabile, brillante e certamente per tutti.

Cinema Weekend – Trolls

trolls

TROLLS (USA 2016 – 93 min’)

Regia di Mike Mitchell e Anand Tucker

Da vent'anni i Troll, le creature più felici mai viste al mondo, vivono la propria

esistenza gioiosa, al riparo dai terribili Bergen che, non conoscendo la felicità,

devono nutrirsi di Troll per provarne l’ebbrezza. L’ultimo incontro con i predatori

è stato sventato dall’eroico re Peppy, convinto che nessun suo suddito dovesse

essere lasciato nelle grinfie del nemico, nel giorno del Trolstizio: quello in cui i

Bergen vanno a caccia di felicità. Col tempo re Peppy ha ceduto il posto a sua

figlia, la principessa Poppy, che con contagioso entusiasmo guida le schiere dei

Troll in infinite sessioni di canti, balli e abbracci. Solo Branch, l’unico Troll privo di

colori vivaci, rifiuta la filosofia gaudente dei suoi simili, a causa dalla paura che i

Bergen ritornino. E puntualmente, nel giorno della celebrazione della Festa più

grande del mondo, i timori di Branch si avverano e i Bergen rapiscono un nutrito

gruppetto di Troll per cibarsene nel giorno del Trolstizio. Sarà compito di Poppy e

Branch andarli a salvare: lei con la sua forza trascinante, lui con la sua

conoscenza approfondita di un nemico tanto a lungo studiato e temuto…

La DreamWorks ha trasformato i pupazzetti dai capelli a ciuffo, tanto amati dai più

piccoli in eroi di cartone, creando per loro una fiaba fracassona che tracima colori

psichedelici e canzoni pop. Ma il vero motore del film è la coppia Poppy-Branch, in

inglese doppiati da Anna Kendrick e Justin Timberlake, in italiano da Elisa e

Alessio Bernabei. Timberlake, che è anche produttore esecutivo del film, ha

costruito la colonna sonora con brani inediti suoi, di Gwen Stefani e Ariana

Grande, ma il vero “gancio”; sono le hit del passato (molto ben tradotte in italiano

da Fiamma Izzo, responsabile del doppiaggio) incorporate all’interno della trama

come se fossero elementi narrativi di un musical.

I dialoghi sono veloci, vivaci e a tratti garbatamente irriverenti, pensati per

intrattenere anche i genitori che sono l’audience naturale del film.

C’è tutta l’energia DreamWorks dietro a questo progetto disegnato a tavolino per

scatenare l’llegria nei più piccoli, che usciranno di sala canticchiando e sognando

di possedere la capigliatura indomita dei Troll.

ANIMALI FANTASTICI E DOVE TROVARLI

animali-fantastici

ANIMALI FANTASTICI E DOVE TROVARLI

(USA, UK 2016 – 133 min’) Regia di David Yates   

Il mago inglese Newt Scamander è uno studioso e collezionista di creature fantastiche. Durante un viaggio negli Stati Uniti, smarrisce la valigia contenente tutte le sue magiche bestie ed è costretto a ricercarle per tutta New York….

Nel mondo di Harry Potter il libro “Animali fantastici: dove trovarli” è una guida alle creature magiche redatta negli anni ‘20 da Newt Scamander, tra i testi di studio obbligatori alla scuola di magia di Hogwarts. Nel 2001 quel libro immaginario è diventato un libro reale, naturalmente grazie alla penna dell’instancabile J.K. Rowling. Con questo film la scrittrice britannica per la prima volta diventa anche sceneggiatrice, portandoci a conoscere da vicino il personaggio di Newt (finora solo poco più di un nome) e le avventure che lo vedono protagonista all’epoca della scrittura della sua guida.

Diverse ‘storyline’ si intrecciano a partire dall’arrivo del protagonista a New York.

Il legame con la saga di Harry Potter è forte ed inevitabile: pur trovandoci in un’altra epoca e in un altro continente, non mancano riferimenti a nomi e luoghi già conosciuti come appunto Hogwarts, oppure Albus Silente.

Non stupisce quindi che a dirigere il film sia stato chiamato David Yates, il regista degli ultimi quattro film considerati i più “maturi”. Compaiono qua e là accenni un po’ naif a tematiche quali la protezione degli animali. A parte qualche mossetta e smorfia di troppo, Eddie Redmayne è bravo nella parte dell’enigmatico Newt, ma il suo personaggio a conti fatti non ha un grande spessore. Ma in fondo è poco male: con altri quattro film della serie “Animali Fantastici” già in cantiere, siamo fiduciosi che i personaggi avranno tutto il tempo di evolversi raggiungendo le profondità che si meritano.